Skip to content

Tsuna – Rightful Size Of Fears

2011 March 4

Debutta a Marzo da solista con “Rightful Size Of Fears” Andrea Tomassini alias Tsuna.

Alle spalle si lascia l’esperienza quinquennale come chitarrista degli Enter K e prima ancora come bassista della loro precedente formazione, gli Strange Brew.
L’album autoprodotto e registrato al Sauna Recording Studio, richiede diversi anni di lavoro e un particolare iter di produzione: le tracce nascono tutte da registrazioni non professionali, Tsuna entra in studio con dieci brani, sceglie di concentrarsi sulla completa realizzazione di un pezzo alla volta fino a raggiungere il suo obiettivo senza aggiunte e senza rimozioni.
E’ un primo lavoro diretto e spontaneo, ma nello stesso tempo ponderato e incisivo come sembra essere la natura di Tsuna che viene espressa tramite una scelta di sonorità dark wave/ gloomy rock.
Il lavoro beneficia del contributo di Andrea Cajelli alla batteria e di Marco Sessa all’ukulele, entrambi parte delle precedenti esperienze musicali di Tsuna e ora membri degli Encode.
L’album è proposto dal vivo con la band Tsuna and the Shadowlands, composta dagli ex Bartok Michele Guerriero (chitarra e seconda voce) e Raffaello Migliarini (batteria) , con Carlo Rizzi (WOW e Frozen Farmer) al basso.
E’ un ascolto da fare in cuffia per cogliere completamente il significato dei testi e giocare a indovinare le influenze molteplici e contrastanti dell’artista che vanno dai Beach Boys agli Smashing Pumpkins.

MP3 TsunaTwist Yourself As One

Share and Enjoy:
  • Digg
  • StumbleUpon
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Jeniferever – Silesia

2011 February 10

Tornano i Jeniferever con un nuovo album “Silesia”, in uscita per Monotreme (distribuzione Goodfellas) ad aprile.
Iperrealismo rock. Suoni rarefatti, liquidi, onirici, magari un semplice telaio di chitarre elettriche su cui innestare con discrezione la sezione ritmica e una voce angelicata, ma anche orchestrazioni dense e corpose, partendo da un?idea bislacca di ambient music o dall’elettronica “povera” stile Sigur Rós. Il quintetto di Uppsala, sa esaltare con sorniona leggerezza il flirt fra poesia eterea e gioco intellettuale.
L’album è anticipato dallo splendido singolo “Wayfs & Strays”.
I Jeniferever saranno in tour per promuovere l’album. Al fine di finanziare il nuovo tour europeo la band ha lanciato una campagna di raccolta fondi su Indiegogo. Date anche voi il vostro piccolo contributo!

Jeniferever ‘Waifs & Strays’ by Monotreme Records

Share and Enjoy:
  • Digg
  • StumbleUpon
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Insooner

2011 January 21

Gli INSOONER nascono nel 2003 da un’idea di Giamma e Juan. Da subito la band inizia a scrivere pezzi propri, inizialmente il genere proposto è di taglio punk, con scanzonati testi in italiano, ma dopo vari cambi di componenti il suono si evolve in qualcosa di più personale. Nel 2005 la band subisce un brusco arresto a causa dell’abbandono del chitarrista dell’epoca e, dopo un anno di riflessione, l’avventura del gruppo riparte nel marzo 2006 con l’ingresso di Matteo, a cui corrisponde un radicale cambiamento, sia nel sound della band che nell’attitudine: mantengono testi in italiano, ma lasciano spazio a suoni sperimentali e una buona dose di rock, ispirandosi a gruppi quali Dredg e Verdena.
Registrano 2 demo, recensite in maniera positiva da riviste e varie webzine italiane, e iniziano a farsi conoscere suonando ovunque, arrivando recentemente a suonare con Ministri, Fratelli Calafuria, Io?Drama, Minnie’s, amplificando così la propria visibilità.
Nel 2008 viene realizzato il primo videoclip della band, “Videodrome”. Dopo un lungo periodo di pre-produzione ed arrangiamento la band è pronta per entrare in studio e nel Luglio 2009 iniziano le registrazioni del disco, intitolato “Assemblando oceani per annegare in pace”, prodotto da Daniele Landi ai Forears studios di Firenze e contentente 9 tracce di intenso alternative rock sperimentale cantate in italiano.
Il mare come tappeto e chiave di volta del disco, galleggia ovunque e si insinua, si infrange fra note e muri sonori. Come un narratore onnisciente compare dappertutto, cullando l’ascoltatore e proiettandolo in altre dimensioni.
Sembra ricorrere quasi la necessità di cristallizzare il tempo, per fotografare immagini di sangue, concetti ingialliti dal tempo e visioni mistiche, per poi racchiuderli all’interno del disco.

MP3 InsoonerPraga Dorata

Share and Enjoy:
  • Digg
  • StumbleUpon
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Auguri

2010 December 22

Ghost Records vi augura di trascorrere delle serene e felici festività natalizie.
Vi ringraziamo per averci seguito durante tutto quest’anno e per le dimostrazioni di stima espresse sul nostro lavoro.
In regalo per voi una compilation targata Ghost Records, disponibile in download gratuito, intitolata “The Ghost Of Christmas” contenente due esclusive chicche in anteprima assoluta: un brano dei Green Like July, “Liverpool”, tratto dall’album “Four-Legged Fortune” in uscita per Ghost Records a febbraio e un brano degli Encode, “Ausfahrt”, tratto dall’album “Core” in uscita per Ghost Records ad aprile.
Vi invitiamo quindi a seguirci anche nel 2011…..

AA.VV. – The Ghost Of Christmas by ghostrecords

Share and Enjoy:
  • Digg
  • StumbleUpon
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks

The Lonesome Southern Comfort Company – Charles The Bold (On The Camper Records)

2010 September 6

Chiedersi cosa degli Stati Uniti possa esserci in Svizzera appare tanto naturale quanto inutile. Naturale perché il secondo album griffato Lonesome Southern Comfort Company trasuda e sviscera America. America profonda, dove in un locale incontri Will Sheff (quello di cinque anni fa) impegnato in una cover di Neil Young con Ben Konx Miller (quello di oggi). Inutile perché il discorso diventa di lana caprina, quando è la qualità a farla da padrone. Un’autoralità, nel concetto di tradizione alcolica (i Neutral Milk Hotel non ne sono estranei), destinata a coagularsi in strazianti lacerazioni blues e dilatazioni strumentali folk, rarefacendo, talvolta, impressioni e lamenti per poi lasciarli esplodere rinnegando ogni timidezza. “Charles The Bold” racchiude, con spigliata sincerità, tutti quei paradigmi intransigenti (ed indispensabili) nel regalare emozioni introverse attraverso un impatto concreto, con brani in cui la struttura multistratificata non è mai gratuita, piuttosto è fisiologica proprio per la riuscita delle canzoni stesse. Lasciandosi andare senza remore dentro un bottiglia di whisky ormai finita.

LSCC (conosciuto anche, semplicemente, come John) entra in studio nel 2008 e de-cide di registrare un disco in solitaria capace di gettare radici, senza remore, tra le sue influenze musicali più profonde. Dopo aver militato per anni in band strumentali (come i Far From The Madding Crowd) e dopo aver vissuto sulla propria pelle le difficoltà che si affrontano a suonare in un gruppo (compromessi, vie di mezzo, litigi tra prime donne) questo disco è per lui come una ventata d’aria fresca.
Esce dal posto di lavoro con i testi che ha appena scritto, si reca in studio ed incide i pezzi che ha composto alcune ore prima. Chiama qualche amico (Peter Kernel, Lake Nation e alcuni superstiti dei già citati Far From The Madding Crowd) e con qualche minuto di preavviso invita tutti a partecipare alla lavorazione del disco.
Lonesome Southern Comfort Company, pubblicato ad agosto 2008, è un disco che in 15 brani (16 se si considera la ghost track) fa luce sulla visione sociale e politica del suo autore.
LSCC, nato unicamente come progetto “in studio” acquisisce però col tempo anche una dimensione “live” le cui sonorità si fanno decisamente più potenti, rumorose ed elettriche. La band, oramai un trio cui saltuariamente si aggiungono anche elementi come viola o violino, sposa armonie folk e indie con suoni psichedelici e blues. (a cura di Marco Deldoldato e Giuseppe Marmina)

MP3 The Lonesome Southern Comfort CompanyHorrible Town

MySpace: The Lonesome Southern Comfort Company
Etichetta: On The Camper Records

Share and Enjoy:
  • Digg
  • StumbleUpon
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Il Lato Beat Vol. I

2010 July 14

IL LATO BEAT VOL. 1
A. DENTE / IL GENIO – “PRECIPITEVOLISSIMEVOLMENTE”
AA. CALIBRO 35 / ROBERTO DELL’ERA – “IL BEAT… COS’E’?”

DISPONIBILE DA SETTEMBRE 2010 IN FORMATO VINILE 45 GIRI
DAL 16 LUGLIO 2010 IN FORMATO DIGITALE SU ITUNES STORE
(GHOST RECORDS/DISASTRO RECORDS)

Dalla collaborazione tra alcuni degli artisti più riconosciuti e stimati della scena musicale indipendente italiana nasce “Il Lato Beat Vol. 1”. Per l’occasione Dente, Il Genio, Calibro 35 e Roberto Dell’Era si mettono in gioco guidati dalla mano sicura di Tommaso Colliva, reinterpretando due brani risalenti al primo movimento musicale di rottura degli anni ’60: il cosiddetto Beat, che viene impropriamente associato oggi a musiche estive, disimpegnate ed ingenue, mentre allora era dirompente per le orecchie di ascoltatori abituati alla melodia e alla forma classica della canzone. Non è strano quindi che anche nei testi si tentasse una rottura con la tradizione, con la proposta di temi diversi ed una rivisitazione dei motivi dell’amore e dell’abbandono.

La pubblicazione è anticipata dall’uscita in radio del primo dei due singoli: Dente/Il Genio – “PRECIPITEVOLISSIMEVOLMENTE”

Spetta quindi a Dente e Il Genio aprire le danze con un’interpretazione a dir poco originale, tanto frizzante quanto ironica, di un twist di Bruno Martino. A Dell’Era e Calibro 35 l’arduo compito di rendere nota al pubblico di oggi la versione in italiano di un brano tra i più conosciuti di Sonny Bono (“The Beat Goes on…”) , “Il Beat…Cos’è?” proposta per la prima volta negli anni ’60 da La Ragazza ‘77 (al secolo Ambra Borelli) e riadattata in quest’occasione in uno stile più consono agli artisti coinvolti.

Share and Enjoy:
  • Digg
  • StumbleUpon
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Dente – Termina questa settimana il tour teatrale 1910

2010 May 13
by Giuseppe

Un po’ di novità per Dente in questo scorcio di primavera.
Questa settimana termina il lungo tour teatrale 1910 che ha raccolto un grandissimo successo nel corso di 4 mesi. Le ultime 3 date vedono il cantautore di Fidenza e la sua band impegnati venerdì 14 maggio a Sassari (Abbabula Fest), Sabato 15 Maggio a Padova (Musica nel Sangue – Auditorium Modigliani) e Domenica 16 Maggio a Milano (Teatro Spazio 89) per il concerto di chiusura. I ragazzi riprenderanno subito però a suonare, fuori dai teatri, con altre date sempre a maggio tutte per i fan toscani: giovedì 20 maggio a Livorno, venerdì 21 ad Arezzo, sabato 22 a Grosseto tutte e tre le date nell’ambito della manifestazione Aspettando Italia Wave.
Il 21 maggio esce il nuovo atteso disco dei Perturbazione “Del Nostro Tempo Rubato” che vede Dente impegnato al canto in “Buongiorno Buonafortuna”.
Sempre a Maggio vi ricordiamo la presentazione, al Goganga di Milano, del libro “Swordfishtrombones – Tom Waits” il libro di David Smay che racconta il capolavoro del maestro di Pomona (Collana Tracks – Edzioni NO REPLY): Dente, anche in veste di autore della postfazione del volume, sarà presente alla serata.
Altre date estive sono previste in Italia e all’estero. Tra queste ultime, la prima ad essere annunciata è la data spagnola del 28 luglio a Siviglia al prestigioso Nocturama festival.

Share

Share and Enjoy:
  • Digg
  • StumbleUpon
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks

I CALIBRO 35 APRONO IL CONCERTO DEI MUSE A SAN SIRO L’OTTO GIUGNO

2010 May 7
by Giuseppe

Reduci dal successo del nuovo disco e da un intenso tour nei club, i Calibro annunciano che saranno tra gli opening act dei Muse a San Siro, per quello che si candida ad essere uno dei grandi eventi dell’estate 2010. E a seguire l’uscita inglese ed americana di “Ritornano quelli di… Calibro 35” ed una serie di importanti appuntamenti live in Italia e in Europa.
Che i Calibro 35 fossero tra i protagonisti musicali indiscussi del 2010 lo sapevamo già: il loro secondo album “Ritornano quelli di… Calibro 35” ha raccolto lodi pressoché unanimi ed i concerti nei club, durante una prima tranche di tour, sono ricordati da tutti coloro che vi hanno assistito come uno spettacolo di rara intensità e maestria. Inaugurano l’inizio del tour estivo aprendo il concerto dei Muse a San Siro il prossimo 8 giugno insieme a Friendly fire e Kasabian.
Le novità per la band non si fermano qui. Dopo essere uscito tra fine marzo ed inizio aprile in Germania e Benelux, a luglio “Ritornano quelli di… Calibro 35” sarà pubblicato anche in Spagna e Gran Bretagna (tutte le uscite europee sono curate da Ghost Records) e negli Stati Uniti (pubblicato da Nublu Records) per quello che sarà l’effettivo debutto discografico internazionale per la band.
Dopo il primo videoclip tratto dal nuovo album (“Milano Odia” di Morricone) scritto e diretto da Graziano Staino, i Calibro hanno recentemente realizzato una serie di tre micro‐video che verranno presentati a metà maggio alla 4° edizione di Appuntamento a Mano Armata, il prestigioso Festival Internazionale dedicato alla musica e ai film d’azione italiani degli anni ’70 che si terrà a Jesolo dal 14 al 16 Maggio. I tre video ispirati naturalmente ai polizziotteschi, sono stati diretti da Liliana
Liberanome e compongono un trittico intitolato “E’ SEMPRE IL MOMENTO DI… CALIBRO 35”.
A breve Calibro 35 riprenderà anche l’attività live con una serie di concerti in Italia e la partecipazione al prestigioso Nova Rock Festival l’11 giugno in Austria a fianco di band come Rammstein, Green Day e Prodigy. Alle classiche date live nei festival si affiancheranno anche una serie di serate speciali, di cui è
stata annunciato il primo appuntamento per il 12 agosto al Festival di Radio Onda D’Urto a Brescia con la sonorizzazione integrale di “Milano Odia, La Polizia Non Può Sparare” del maestro Lenzi (dalla cui colonna sonora è tratto uno dei brani di punta di “Ritornano quelli di… Calibro 35” e la cui locandina
era stata ai tempi disegnata da Giuliano Nistri, lo stesso illustratore che ha formato l’artwork dell’ultimo album dei Calibro).

ECCO LE DATE DEL TOUR ESTIVO FINORA ANNUNCIATE
1/06 Roma – Martelive @ Alpheus
4/06 Avezzano (AQ) – Lab Club
5/06 Castiglione del Lago (PG) – La Darsena
6/06 Imola (BO) – Imolainmusica
8/06 Milano ‐ San Siro
11/06 Nickelsdorf (Austria)‐ Nova Rock Festival
1/07 Arezzo – Mengo Music Fest
2/07 Milano ‐ Magnolia
3/07 Prato ‐ Univercity
8/07 Grugliasco (TO) – Gru Village
15/07 Cuneo ‐ Nuvolari
21/07 Correggio (RE) ‐ Festa dell’Unità

Hanno scritto di “Ritornano quelli di… Calibro 35”

operazione rocksofisticata quella dei Calibro 35: recuperare le colonne sonore dei polizieschi anni ’70. anche con qualche inedito di stile” ‐ CORRIERE DELLA SERA 27 febbraio 2010

non è una storia di revival, nè di cover, ma una cosa di oggi che mescola alla perfezione il nuovo con il vecchio” ‐ IL VENERDI’, 5 Marzo 2010

chi li ha visti dal vivo lo sa bene: il suono dei Calibro 35 è appassionante, inquieto e vitale. Sparano raffiche di funk, ricamano melodie, colpiscono con precisione chirurgica… Insomma forse hanno cominciato per gioco ma ora con questo secondo lavoro fanno sul serio mostrando di essere una vera rivelazione… Quella che era rivisitazione ora è diventato uno stile maturo e inconfondibile… Gran bel disco, gran bel film. E pure, per una volta, facilmente esportabile.” ‐ XL, Marzo 2010

i Calibro, pur ancorati a una magistrale rilettura di quelle composizioni d’antologia, ne scarnificano gli arrangiamenti per rinvigorirne l’impatto e aggiungono ai classici anche brani inediti a quelli molto vicini” ‐ ROLLING STONE, Marzo 2010

“altre formazioni si sono abbeverate alle medesime fonti ma nessuna con l’autorevolezza filologica, la perizia tecnica e l’elettrizzante carica (anche dal vivo) dei Calibro 35” ‐ voto 8 RUMORE, Febbraio 2010

Da collezione” ‐ JAM, Febbraio 2010

Procuratevelo al più presto questo piccolo capolavoro” ‐ Liberal, 27 Febbraio 2010

naturalmente, per ricreare una musica tanto proteiforme capace di mischiare con sublime indifferenza il funk e il barocco, il jazz, il rock e il gran varietà servivano
strumentisti con gli attributi a forma di cubo: Calibro 35, per servirvi
” ‐ IL MUCCHIO copertina del numero di Febbraio 2010

Effluvi jazzrock, inconsueti tropicalismi ed un fare che cristallizza i momenti migliori del rock cosiddetto progressivo, dribblando con largo anticipo qualsivoglia tendenza al barocco. Non più epopea nel cinema di genere, non più sfiziosa library sound, la seconda pellicola girata dai Calibro 35 è una dichiarazione di intenti sacrosanta. Non insospettabile, perché sul valore dei quattro musicisti non avanzavamo alcun dubbio” ‐ voto 7/8 BLOW UP, Febbraio 2010

non si può non dire che la musica dei Calibro 35 sia sexy. E che la loro predisposizione corporea alle strumentali è arrapante e per fortuna che non ci cantano sopra perché l’effetto di attesa che si crea aspettando una tuttadonna che scenda da un palco qualsiasi col vestito rosso scollatissimo e i pizzi, la giarrettiera e la rosa sulla coscia, la riga sui collant che ridisegna il dietro gamba e il trucco finto casual, è la vera potenza, ambientale e subculturale, di questa Italia a mano a(r)mata.” ‐ ROCKIT, Febbraio 2010

Share

Share and Enjoy:
  • Digg
  • StumbleUpon
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Sivia Costeloe – Running

2010 April 21
by Giuseppe

Il singolo di debutto di Silvia Costeloe “Running” è uscito ieri in versione digitale, tutti i proventi andranno in beneficienza a favore della lotta contro la leucemia.
Ghost PR invita tutti voi ad acquistare il singolo!

Acquista Silvia Costeloe – Running su iTunes Music Store

MySpace: Silvia Costeloe

Share

Share and Enjoy:
  • Digg
  • StumbleUpon
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Vogliamo Anche le Rose è il primo film italiano disponibile per iPhone

2010 March 22

Vogliamo Anche Le Rose di Alina Marazzi è il primo film italiano disponibile per iPhone.
I Ronin, autori di due album pubblicati da Ghost Records (l’omonimo album di debutto del 2004 e Lemming pubblicato nel 2007) hanno realizzato la colonna sonora originale del film, grazie ad una collaborazione con Warner Chappell Music Italiana, editore dell’intera colonna nonché di tutti gli album dela band.
Per acquistare l’app. cliccate qui

Share

Share and Enjoy:
  • Digg
  • StumbleUpon
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks